Le persone sono creature visive per natura. Ciò che differenzia una società cattiva da una buona impresa è il fatto che questi ultimi sappiano attirare l’attenzione dei clienti con l’aiuto del Packaging. Un logo interessante e accattivante gioca una grande parte nel marketing di un prodotto, nulla è più vicino agli effetti che un aspetto attraente e straordinario ha sui clienti potenziali.

Perché è così importante?
I clienti sono attratti, più di ogni altra cosa, a prodotti che sembrano “buoni”. Qualcosa che sia ben progettato e interessante è destinato ad attirare più potenziali clienti rispetto a un prodotto che è mal progettato e sembra blando. Questa è l’importanza del Packaging design. È, dopo tutto, la parte fondamentale nella commercializzazione di un prodotto: “garantire la vendita”. È anche fondamentale associare un marchio a una certa “cosa” – sia esso un colore o un carattere. Ciò significa, in sostanza, che i clienti che vengono attirati dal Packaging lo memorizzano e tornano a ricomprare quel prodotto.

Il Packaging design: dove comincia?
Un buon design deve sempre riflettere il prodotto, la creatività e la personalità dell’azienda. C’è però di più per il Packaging design che semplicemente assicurare un Packaging affascinante. C’è una scienza complessa dietro – dalla forma della confezione ai materiali utilizzati, senza naturalmente dimenticare la sua funzionalità. Ad esempio, delle molte cose da prendere in considerazione durante la creazione di un Packaging, una delle cose più importanti da ricordare è sicuramente la protezione che offre al prodotto. Non c’è alcun motivo per rendere visivo un aspetto particolarmente interessante se non è in grado di fare quello che doveva fare in primo luogo.

Come progettare il Packaging perfetto
Sono stati fatti molti studi sull’importanza del design dell’imballaggio e se c’è qualcosa che tutti hanno capito, è che la semplicità vende. Quello che la gente vuole, più di ogni altra cosa, è ottenere informazioni in modo rapido e semplice. Anche se comincia ad attirare la loro attenzione attraverso confezioni eleganti e accattivanti, un etichetta chiara è di fondamentale importanza. Le aziende vogliono che le persone acquistino i loro prodotti – non vogliono che si allontanino e acquistino un prodotto della concorrenza semplicemente perché le informazioni sono più facili da trovare.

Cosa vogliono i clienti?
Oltre alla semplicità, i clienti desiderano anche l’onestà e l’autenticità. In altre parole, vogliono sapere che il prodotto visto sulla confezione è il prodotto che poi si trovano all’interno. Per far ciò, le aziende dovrebbero sempre assicurare che il Packaging li renda affidabili. Ciò può essere ottenuto assicurandosi che il Packaging sia costituito da materiali di alta qualità. Il buon Packaging dovrebbe anche riflettere la personalità dell’azienda.
Non si nega il fatto che un logo abbia una parte vitale quando si tratta di marketing, ma non è possibile confrontare il potere di un Packaging visivamente attraente sui clienti. I clienti vogliono associare un prodotto a qualcosa di positivo, e il design dell Packaging è spesso la prima cosa che viene in mente.

Differenza tra linea e gamma di prodotti?

La linea di prodotti è un insieme di gamme di prodotti (vedi esempio Canon)

 

Prodotto

 

Linea di Prodotti

La questione è solo una: quanto voglio investire?

Spesso, quando gli imprenditori decidono di investire in comunicazione, lo fanno con uno scetticismo ed una diffidenza di fondo che li porta ad agire in modo autonomo con risorse interne o, peggio, a parenti od amici.

Tale realtà, infatti, è diffusissima nella piccola impresa: il ragazzo appassionato di computer che realizza il logo, campagne appena abbozzate e poi subito abbandonate, pensando di risparmiare ma in realtà spendendo molto di più rispetto ai risultati ottenuti.

Costi e sfiducia sono i quindi i principali motivi di un atteggiamento dannoso per l’azienda stessa.

Purtroppo quando si parla di comunicazione e di marketing, si parla di qualcosa di intangibile spesso con ritorni non immediati e proprio per questo i costi che vengono proposti dai professionisti del settore vengono molte volte rifiutati a favore di soluzioni più economiche e approssimative che generano ancora più sfiducia sull’utilità di investire in comunicazione quando non generano i risultati attesi.

Al giorno d’oggi, un moderno imprenditore non ha a che fare i conti solo con la concorrenza ma con la moltiplicazione delle competenze richieste nella gestione di un’azienda e con l’avvento di internet l’ottica imprenditoriale si è ancor di più ampliata.

Un piano di comunicazione online, per esempio, non vuole dire semplicemente avere un sito-brochure per poter dire “ci sono anch’io!” affidandosi per la realizzazione all’estro e alle conoscenze “html” del nipotino esperto navigatore o del responsabile dei sistemi informatici.

Solo un’approfondita conoscenza del settore e una corretta strategia nell’impiegare i mezzi più adatti (che spesso si rivelano anche i meno costosi) potranno garantire la massima efficacia dell’investimento.

Avvalersi di professionisti esperti porta ovviamente costi maggiori ma sicuramente anche un’ottimizzazione degli investimenti (qualunque sia il budget stabilito) e la sicurezza di risultati mirati e concreti. E, a proposito di budget, ricordate che si può fare comunicazione anche solo con il costo di una rosa rossa da porgere alla persona giusta.

Il punto iniziale pertanto deve essere proprio questo: stabilire un budget, meglio se pluriennale, e rivolgersi a dei professionisti che lo faranno fruttare nel migliore dei modi. Vi fidereste, per i vostri investimenti in borsa del vostro nipotino appassionato o vi affidereste più tranquillamente ad un consulente specializzato?

Investire in pubblicità in tempo di crisi è come
costruirsi le ali mentre gli altri precipitano.
“Steve Jobs”

L’identità è la forza propulsiva di ogni strategia di marketing. Per corporate identity si intende la percezione che il cliente ha di un’organizzazione. Un concetto astratto, difficile da definire.
Per quanto sia la leva che decide tra ricordo ed oblio. Da che parte sta la tua azienda?

In un ambiente altamente competitivo la corporate identity diventa un presupposto imprescindibile per distinguersi dai competitors, affermare la propria presenza, marcare il territorio.

 

A cosa serve la CORPORATE IDENTITY.

Nell’era in cui il cervello è costantemente stimolato da messaggi pubblicitari, immagini, esperienze di marca poter contare su un’identità societaria forte e su un’immagine coordinata permette di associare i valori aziendali a quelli del cliente favorendo la creazione di relazioni coinvolgenti. Per rendere il rapporto tra azienda e cliente un’esperienza unica. Inimitabile. Distinguibile.

La corporate identity può veicolare autonomamente i valori dell’azienda. Corporate Identity: un atto creativo in cui componenti di varia natura si integrano in combinazioni che creano una relazione profonda e spirituale con il cliente.